Storia & Tradizioni

La tradizione cui Infusi dall’Eremo si ispira è quella del monachesimo abruzzese che per secoli è stato custode delle culture, delle arti e delle tradizioni popolari. Lo scrigno prezioso di questa cultura, è rappresentato dall’eremo, punto di riferimento non soltanto spirituale ma anche materiale per le popolazioni medievali che si affidavano spesso alle cure dei monaci per guarire dai malanni.

La speziaria (antica erboristeria) era la parte più segreta e conservata del complesso eremitico o monastico, come un tabernacolo naturale, dove potevano accedere soltanto il monaco speziale e il priore (e non sempre). Accanto ad essa c’era l’orto botanico, anch’esso segretissimo, dove venivano coltivate erbe, piante e frutti autoctoni e sperimentate anche tecniche di coltivazione nuove per le piante fatte pervenire dalle missioni d’ Oriente.

PHOTO-2018-11-21-11-23-36
PHOTO-2018-11-21-10-34-32

Con queste preziosissime materie prime i monaci erano in grado di preparare unguenti, bevande, tisane e decotti, che costituivano la base della farmacologia medievale, tant’è che qualcuno, guarito da una semplice gotta, spesso gridava al miracolo.

Il lavoro, cui Infusi dall’ Eremo aderisce, ha il compito di valorizzare questi luoghi per conservare nel tempo la missione, la tradizione, la storia, coniugando armoniosamente le esigenze del benessere fisico e quelle del piacere conviviale. Sono pervenute a noi le ricette di quelle antiche erboristerie medievali, che, tenute gelosamente segrete, vengono proposte alla clientela attraverso confezioni di liquori altamente genuini ed efficaci. Con il loro acquisto si contribuisce anche alla conservazione ed alla trasmissione dei valori e della cultura che li ha ispirati.